Vitamine e sali minerali per uno stato nutrizionale equilibrato

24 Novembre 2020
//

Per garantire un corretto funzionamento dell’organismo è fondamentale fornire tutto ciò di cui ha bisogno, questo concetto può sembrare forse scontato e obsoleto. Come succede in svariati ambiti, anche nell’alimentazione, non è così semplice far combaciare la teoria con la pratica.

La più grande sfida che deve affrontare un nutrizionista quando elabora un programma alimentare o chiunque di noi voglia curare la propria alimentazione, è garantire il raggiungimento di un corretto stato nutrizionale.

Cosa significa?

Significa raggiungere una condizione di equilibrio che si instaura nel momento in cui apportiamo all’organismo in tipologia e quantità tutti i nutrienti di cui necessita per mantenersi in vita ed espletare in maniera efficiente ed efficace le proprie funzioni.

L’obiettivo su cui dobbiamo focalizzarci è mantenere nel tempo questo equilibrio, tra la disponibilità dei nutrienti e le necessità dell’organismo. L’equilibrio è turbato nel momento in cui viene fornito un apporto insufficiente o sovrabbondante rispetto le reali necessità.

Come mantenere lo stato nutrizionale in equilibrio?

Numerosi fattori possono influenzare il mantenimento di questa “stabilità”. Ogni elemento esercita una propria forza sul “piatto della bilancia”, cosicché alterazioni in difetto o in eccesso nella disponibilità di un singolo o di più elementi possono spostare il piatto della bilancia o verso l’alto o verso il basso, rompendo quella condizione di equilibrio necessaria per mantenere l’organismo ben funzionante ed in salute.

Per questo, non esiste quindi un elemento che abbia “in valore assoluto” un’importanza superiore agli altri: tutti quanti concorrono, esercitando una specifica influenza, al mantenimento di uno stato nutrizionale in equilibrio.

Di conseguenza nulla dovrebbe essere lasciato al caso.
Come è necessario fornire in elevate quantità alcuni “macronutrienti” (carboidrati, proteine e grassi), sarà altrettanto utile apportare in quantità più ridotte “micronutrienti” (vitamine e sali minerali), in grado anch’essi di partecipare al raggiungimento di quel complesso equilibrio che consente alla “macchina metabolica” dell’organismo di funzionare efficacemente.

Perché i micronutrienti sono importanti?

Il fatto che necessitiamo di quantità più moderate di micronutrienti, rispetto ai macronutrienti, non deve essere considerato sinonimo di “ridotta importanza”. Anzi, questi ultimi senza i primi non avrebbero probabilmente ragione d’esistere.

Noi traiamo energia da carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) elaborandoli e trasformandoli attraverso una serie di reazioni chimiche, che non riuscirebbero a verificarsi in assenza di alcuni micronutrienti.

Al contempo altri micronutrienti regolano la sintesi di composti vitali per l’organismo o ci consentono di proteggerci dallo stress ossidativo e dall’invecchiamento cellulare.

Cosa deve contenere un buon integratore multivitaminico-multiminerale?

Un buon integratore multivitaminico e multiminerale dovrebbe preferibilmente contenere tutte le vitamine e i sali minerali (micronutrienti) essenziali alle principali funzioni metaboliche in quantità tali da soddisfare il fabbisogno giornaliero.

Tra queste sono particolarmente importanti le vitamine del Gruppo B, riboflavina, tiamina, ac. Pantotenico e niacina che si dimostrano utili per il corretto utilizzo dell’energia mentre acido folico e vitamina B12 concorrono alla protezione cardiovascolare e alla prevenzione dell’ anemia.

La Vitamina C è utile nel supportare un corretto funzionamento del sistema immunitario, per la digestione delle proteine e per la sintesi della carnitina che consente il trasporto dei grassi nella sede in cui vengono ossidati. Inoltre, insieme alla Vitamina E, partecipa nel proteggere l’organismo dallo stress ossidativo come agente antiossidante. La Vitamina D, insieme al calcio, consente di mantenere in salute le ossa e svolge innumerevoli azioni su numerosi distretti dell’organismo.

Può essere utile integrare micronutrienti?

Al fine di garantire il mantenimento di uno stato nutrizionale in equilibrio, può essere utile assumere un integratore multivitaminico e multi minerale a livello preventivo generale e specialmente in contesti di vita o condizioni fisiologiche in cui può essere facile “alterare” lo stato dei micronutrienti.

In particolare può rivelarsi utile assumere un integratore multivitaminico-multiminerale:

  • In caso di elevato stress fisico, associato all’attività lavorativa, come periodi particolarmente intensi;
  • In caso di periodi di preparazione atletica, caratterizzati da elevati volumi di allenamento;
  • In caso di alimentazione ipocalorica, specialmente se associata alla pratica costante di attività fisica;
  • Nei cambi di stagione, dove si può avvertire più facilmente astenia e stanchezza fisica;
  • In caso di alterazioni delle dinamiche di vita e/o alimentari come turni lavorativi o viaggi.

Un equilibrato apporto di vitamine e minerali nel contesto di una sana e corretta alimentazione potrà concorrere ad un efficace supporto dell’organismo, sostenendo i processi particolarmente interessati da situazioni di stress o elevato carico di lavoro.

Vitamine e sali minerali per uno stato nutrizionale equilibrato
Per garantire un corretto funzionamento dell’organismo è fondamentale fornire tutto ciò di cui ha bisogno, […]