Menu

Il progetto
per il farmacista

Leggi tutto...

Il progetto
per il farmacista

Leggi tutto...

Linea dietologici
e dimagranti

Leggi tutto...

Benessere
e protezione

Leggi tutto...

Energia, sport,
recupero

Leggi tutto...

Multivitaminico Perché?

Vitamine nutrifarmaQuesta sembra apparentemente essere la classica domanda da un milione di dollari... con relativa risposta generalmente correlata a fattori quali mode, disinformazione, becera generalizzazione eccetera.

Quali possono essere realmente i fattori da valutare per capire se si mostra davvero necessario l’utilizzo di un multivitaminico?

Sono diversi e correlati a alle abitudini di vita dei singoli soggetti.

Quali sono allora le domande da farsi prima di capire se la soluzione che fa al caso nostro?

 1) Consumo abbastanza verdure e frutti crudi e freschi?

E ormai notorio e superfluo insistere sul perché devono essere consumate verdura e frutta, in quanto sono tra le principali fonti di micronutrienti come vitamine e minerali.

Perchè preferirle fresche e crude?

Fresche in quanto un vegetale separato dall’ apparato radicale o un frutto separato dalla pianta, non e più in grado di alimentarsi e quindi si trova costretto a consumare le proprie risorse interne: da questo è possibile comprendere come maggiore sarà il tempo da cui il vegetale è stato raccolto e minore sarà il tenore vitaminico che potrà fornire.

Crude, in quanto diverse sostanze di natura vitaminica si dimostrano termolabili, degradabili quindi dal calore fornito con la cottura e foto labili, degradabili quindi dalla radiazione luminosa caratteristica della luce solare.

Quindi sia i tempi di cottura che le preparazioni che prevedono il taglio e la sbucciatura del prodotto comportano una perdita ulteriore di queste sostanze.

In assenza quindi della possibilità di consumare fonti vegetali con queste caratteristiche o con queste modalità, il multivitaminico potrebbe mostrarsi una buona soluzione di completamento funzionale.

2) Anche se utilizzo i suddetti prodotti, il quantitativo e adeguato ai miei livelli di attività fisica?

Anche questa considerazione si rivela essenziale, in quanto il tenore di diverse sostanze vitaminiche è strettamente correlato al livello di attività fisica in quanto fisiologicamente utilizzate come antiossidanti (come per esempio la vitamina C, la A, la E eccetera) oppure nei processi biochimici correlati alle funzioni metaboliche (come per esempio le vitamine del gruppo B).

Quindi maggiore sarà il livello di attività fisica maggiore sarà la produzione di specie radicaliche dell’ossigeno e di conseguenza maggiore sarà il fabbisogno di specie vitaminiche ad azione antiossidante.

Stesso discorso vale per i cofattori metabolici, infatti maggiore sarà la richiesta metabolica dell’organismo maggiore sarà la richiesta per esempio di vitamine del gruppo B.

Il quantitativo di micronutrienti dovrà quindi essere bilanciato sulla base del livello di attività dell’utilizzatore finale, completando se necessario quanto fatto con l alimentazione anche con l integrazione.

3) Il mio livello di assunzione e adeguato per la mia condizione fisiologica?

In che senso? Prima di dare risposta a questa domanda occorre partire dal presupposto che ogni condizione fisiologica correlata alle diverse fasi della vita mostra le sue specifiche caratteristiche.

Per esempio analizzando un soggetto nell’ età dello sviluppo sarà possibile isolare aspetti come la massa corporea in rapida variazione e il notevole tenore del metabolismo basale  dovuto alle rapide dinamiche di accrescimento.

Se invece volessimo considerare le caratteristiche metaboliche di un soggetto nella terza età sarebbe possibile vedere come esistono aspetti diversi, correlati alla necessita di compensare alla ridotta efficienza di un organismo che gradualmente tende a ridurre le proprie capacita di risposta.

Oltre all’età anche il sesso costituisce un'importante discriminante, infatti sulla base degli specifici meccanismi metabolici correlati al sesso maschile e a quello femminile sia l'assunzione vitaminica che quella minerale  deve essere attentamente personalizzata, soprattutto nel periodo fertile per il sesso femminile, dove il turn over tissutale comporta un importante impegno sia metabolico che sintetico (tissutale ed emopoietico).

Anche in questo caso quindi l'integrazione può mostrarsi un adeguato strumento per il completamento della comune alimentazione.

Dalla disamina di questi aspetti essenziali è possibile comprendere come per alcuni soggetti, in determinati periodi dell’ anno e/o in determinate fasi della vita, l’utilizzo di un multivitaminico si mostra particolarmente interessante, ovviamente considerando adeguatamente i fattori appena illustrati tra cui ricordiamo gli essenziali:

Possibilità alimentari

Età

Sesso

Livello di attività fisica

Valutando questi aspetti sarà possibile selezionare il prodotto più adatto ad ogni specifica necessità. Questo fa inoltre comprendere come non esista il multivitaminico ma esistano i multivitaminici, opportunamente progettati sulla base delle caratteristiche di ogni macro categoria.

Quindi nella scelta di un prodotto la valutazione di questo approccio (da parte del produttore), costituisce un primo aspetto che permette di discriminare le linee di prodotto con approccio più razionale, all’interno delle quali sarà possibile identificare il prodotto più adatto alle nostre specifiche necessita.

E quindi anche per l'integrazione con multivitaminici possiamo dire a ognuno il suo!

Progetto NUTRIFARMA - Via Biagio di Santolino 11 , 47892 Acquaviva (RSM) - email: info@nutrifarma.it - Tel. 0549.941456 - Fax 0549.974287
informativa estesa cookies

Sito Joomla Responsive:Pensareweb Siti Joomla

ACCESSO AREA RISERVATA